Giovedì 27 Febbraio 2020
   
Text Size

Warning: getimagesize(images/stories/paparella_piccola.jpg) [function.getimagesize]: failed to open stream: No such file or directory in /home/cassanoweb/public_html/plugins/content/contentoptimizer.php on line 189

Warning: filesize() [function.filesize]: stat failed for images/stories/paparella_piccola.jpg in /home/cassanoweb/public_html/plugins/content/contentoptimizer.php on line 196

Consiglio: interrogazioni delle minoranze

paparella piccola

Una serie di comunicazioni e poi interpellanze e interrogazioni dei consiglieri di minoranza hanno aperto, ieri pomeriggio, il Consiglio Comunale, cominciato con un minuto di silenzio per commemorare l’ex consigliere comunale Franco Montedoro, scomparso un mese fa.

Arganese (Pd) si è soffermato sulla vicenda degli atti consegnati ai consiglieri in occasione della convocazione del consiglio su cui le minoranze hanno polemizzato nei confronti del Presidente Zullo che ha deciso di applicare il Regolamento e di tenere a disposizione in Comune gli atti per i consiglieri, senza più consegna a domicilio. Zullo ha spiegato la sua posizione, in linea con il Regolamento e per salvaguardare il buon funzionamento del Consiglio e per evitare fraintendimenti. Sulla questione, nel corso dei lavori, ci sono stati momenti di duro confronto tra Zullo e il Pd: ne riferiremo in un articolo a parte.

La consigliera Busto (Pd) ha consegnato un manifesto preparato da “Italia Bene Comune”, la coalizione di centrosinistra, sulla campagna contro la violenza contro le donne: una consegna simbolica per essere contro tutte le violenze.

Risposta a interpellanze da parte del sindaco

Faccio mea culpa pubblicamente per il ritardo ad una interpellanza di Del Re (Nid) sulla vicenda del traliccio di via Santeramo a causa della estrema ecnicità della materia” ha detto il primo cittadino riferendo che “La costruzione è ultimata mentre il vecchio sarà demolito e rimosso dopo che tutte i ripetitori saranno spostati così come riferisce l’Ufficio Tecnico comunale”. Del Re ha chiesto che il Comune sorvegli attentamente lo svolgersi dei lavori e comunque si è detto insoddisfatto pe ri lunghi tempi di risposta alla sua interpellanza.

Le interrogazioni di NID

Prima interrogazione di Teodoro Santorsola (Nid) sulla questione della interpellanze e delle relative risposte che dovrebbero essere pubblicate sul sito del Comune; ad oggi nulla di tutto ciò è avvenuto nonostante le promesse del sindaco, fatte un anno fa. L’Assessore alla risorse tecnologiche, Angelo Giustino ha risposto che si stanno verificando alcuni accorgimenti tecnici anche per individuare l’area del sito dove pubblicare questi documenti.

Seconda interrogazione sul Polisportivo da parte di Nid: dopo 20mila euro di denaro pubblico, il “project financing” che fine ha fatto? Quante proroghe devono ancora esserci? E come si vuole ovviare allo stato di abbandono della struttura, da più parti denunciato?

L’assessore allo Sport, Pierpaola Sapienza ha letto la risposta alla interpellanza e spiegato che la piccola manutenzione non manca e che è continua l’attenzione del Comune che di sovente compie sopralluoghi per verificare l’attuazione della convenzione con la società che lo gestisce e che comunque permette un risparmio rispetto al passato; il progetto di finanza non è stato abbandonato ma sarà a breve riproposto.

“Ha detto grosse fesserie – ha replicato Santorsola -: il bando è andato deserto; il risparmio rispetto al passato è numerico ma non vero. Oggi c’è una persona in meno che lavora, ecco perché c’è il risparmio. Ma in quella struttura ci sono storie davvero preoccupanti che un giorno verranno fuori. Su quella struttura non solo non avete risolto nulla ma avete incancrenito la situazione”. Antelmi smentirà, poi, queste affermazioni.

Terza Interrogazione di Nid. Santorsola sulla vicenda di via Chimienti chiede quando saranno tolti i tubi a quasi tre anni di distanza dal guasto.

Il Sindaco ha affermato che è costante l’attenzione con solleciti e quant’altro; l’AQP ha garantito che le tubazioni sono idonee e a norma e non c’è rischio per la salute: l’autobotte con acqua potabile è solo per precauzione. C’è. Comunque, un contenzioso con AQP: essa pretende che sia il Comune a pagare i lavori di svellimento e riposizionamento delle basole; ma siccome il danno è dell’AQP per il Comune è l’Acquedotto che deve pagare.

Una situazione che, ha detto la Di Medio , non si riesce a ricucire e dunque è stato deciso che sarà il Comune ad effettuare i lavori, rivalendosi poi sull’Acquedotto: la settimana prossima si affideranno i lavori che a breve dovrebbero metter fine alla vicenda.

La quarta interrogazione di Nuova Ideadomani ha riguardato la vicenda del Presidente del Consiglio e dei documenti ai consiglieri: come già detto, ne riferiremo a parte.

Le interrogazioni di ViviCassano

Il consigliere Paparella ha interrogato l’assessore Briano sulla vicenda rifiuti: quando entrerà in vigore il nuovo progetto e perché l’aumento della Tarsu è stato conteggiato dal 2012? L’assessore all’Ambiente ha fatto la cronistoria delle ultime vicende, dalla scadenza del vecchio contratto a oggi. In sostanza, sono rispettati i tempi che il bando d’Appalto prevede che, anzi, in qualche caso sono stati anche anticipati. “La prossima settimana firmeremo il contratto – ha detto Briano – e da allora saranno avviate parti del progetto come ad esempio lo spazzamento; quindi la ditta avrà 90 giorni di tempo per avviare il servizio e 6 mesi per portarlo a regime”.

Per quel che riguarda l’aumento: esso, dice Briano “non riguarda il nuovo progetto rifiuti. Quell’aumento è legato a due problemi: il primo è legato al mancato riconoscimento, alla Tradeco, degli adeguamenti contrattuali Istat che da contratto spettano alla ditta; quei soldi non sono mai stati dati, con l’amministrazione Gentile, e dunque abbiamo dovuto darglieli noi, pena i decreti ingiuntivi con i quali ci avrebbero pignorato il Comune….L’altra questione è legata al fatto che per Decreto del Governatore Vendola, Cassano – come altri Comuni – è costretto a trasportare i rifiuti in altre discariche rispetto a quelle originariamente previste ovvero prima presso l’Amu di Bari e poi a Giovinazzo, presso la Daneco. Il costo per tonnellata di rifiuti conferiti, infatti, è passata da circa 34 a quasi 100 euro. Entrambi questi fattori hanno comportato un aggravio di costi e un aumento delle tariffe. Questo aumento è stato coperto dalle casse comunali per l’anno 2011 grazie ad alcuni risparmi, ma dal 2012 questi aumenti sono a carico dei cittadini. Dunque non c’entra nulla il nuovo progetto rifiuti”.

L’ultima interrogazione il Pd l’ha presentata sul verde pubblico, “in evidente stato di abbandono” per i consiglieri di ViviCassano che hanno chiesto spiegazioni all’assessore al patrimonio, Franco Antelmi lamentando la mancanza di programmazione e di altri tagli alla spesa per salvaguardare il verde in paese. Antelmi ha affermato che gli interventi ci sono stati, che la cocciniglia ha attaccato i lecci della Villa anche grazie alla scarsità di piogge in estate e che comunque il monitoraggio è costante.

 

Commenti  

 
#4 pollino 2012-12-01 08:12
Sono tenuto a ricordare al sig. Briano ed al sig. Sindaco quanto vennero a dire nell'aula Magna dell'UTE ( Università della Terza Età all'inizio dell'anno), spiegando quindi che per questa nuova tecnica della raccolta dei rifiuti era necessario aumentare la tariffa di quel percento che ci hanno subito fatto arrivare, tanto poi con questo nuovo sistema e col risparmio conseguente ci sarebbe stato in seguito una dimunuzione della tassa. Quindi ritengo che non ci abbiano detto esattamente come stavano le cose e che la pillola amara ce l'avevano condita con un pò di zucchero.Abbiate la bontà di confermare quanto vi sto ricordando. Grazie
 
 
#3 schifato 2012-12-01 07:38
certo Sindaco,che i lavori per via Chimienti, li deve pagare il comune,perchè la proprietaria della tubazione dell'acqua e il comune l'aqp e solo il gestore.
Ma Sindaco, se non sapete ABC delle cosa pubblica ma perché continuate a far male a questa bella collettività.Bel biglietto da visita offrite nel vedere in una via di interresse storico da due anni i tubi che escono fuori e sicuramente un bel vedere questo.complimenti
 
 
#2 ELEZIONI 2014 2012-11-30 20:22
IO ME NE GUARDEREI MOLTO BENE dal votare alle prossime elezioni per la lista di Arganese con all'interno personaggi come Paparella e la Busto. CI VUOLE GENTE NUOVA....nessuno dei vecchi!
 
 
#1 Pellegrino 2012-11-30 08:59
SONO STUFO DI QUESTA COLOSSALE PRESA PER I FONDELLI!

Briano stai MENTENDO E SAI DI MENTIRE!!!!!

L'adeguamento Istat l'abbiamo pagato nel 2010 (leggi qui "bello" di zio… http://www.cassanoweb.it/attualita/1096-altelmi-ecco-perche-aumenta-la-tassa-sui-rifiuti.html) con l'aumento della TARSU che la tua amministrazione applicò al primo Bilancio di Previsione!!! Aumento rimasto anche nel 2011!!!

Nel 2012 l'ulteriore aumento è scattato per far fronte al NUOVO servizio di raccolta rifiuti, aumento del 15%!!! Vuoi la rassegna stampa Briano?

Nel 2013 si era ipotizzato una diminuzione prevedendo una entrata a regime della nuova raccolta rifiuti porta a porta. SI legge tutto nel Bilancio di Previsione 2012…

Mi meraviglio che nessuno consigliere comunale ha TUONATO contro questa colossale bugia!!! L'aumento del 15% non è dovuto per il 2012, va restituito perché il servizio non è partito!!! Aggiungo che non era dovuto anche l'adeguamento rimasto nel 2011. Ed allora? Che si fa? Nessun consigliere di minoranza si decide ad una mobilitazione popolare?

E Antelmi è orgoglioso del suo operato? Taci e restituisci il maldovuto. Grazie.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.