Venerdì 22 Ottobre 2021
   
Text Size

Bocciato il progetto del Comune per il Polisportivo

progetto polisportivo 2020

E’ stato “bocciato” il progetto che il Comune di Cassano delle Murge aveva predisposto per partecipare al Bando nazionale “Sport e periferie”, per riammodernare e riqualificare il Polisportivo di via Grumo.

Quest’oggi, infatti, è stata resa nota dall’Ufficio Sport della Presidenza del Consiglio dei Ministri la graduatoria dei progetti approvati e quella dei progetti, invece, esclusi dalla Commissione e fra questi c’è proprio quello di Cassano,  bocciato perché la “domanda di contributo è priva della documentazione e delle dichiarazioni indicate al paragrafo 6 del bando e/o non conforme”, recita la motivazione della esclusione.

In pratica il progetto era incompleto e non aveva, dunque, nessuna possibilità di essere approvato.

Redatto e predisposto dall’ingegnere barese Pierino Profeta - a cui l’ex capo dell’Ufficio Tecnico del Comune, Mimmo Satalino fece un affidamento diretto del valore di 50mila euro – il progetto prevedeva il rifacimento e l’adeguamento degli impianti (elettrico, idrico-fognante e termico), la manutenzione degli spazi esterni ed interni delle singole strutture (il PalaAngelillo, il PalaVitarella, il campo da calcio, la pista di atletica e quella di pattinaggio nonché i campi da tennis, da basket e da calcetto e tutte le strutture annesse, dagli spogliatoi alle tribune per gli spettatori), la realizzazione di un nuovo edificio per le attività complementari nonché l’adeguamento alle norme antisismiche.

Il tutto per la cifra, in previsione, di 1 milione e 400mila euro.

Un progetto che si spingeva, addirittura, a proporre il modello di gestione, con tanto di tariffe e giorni di utilizzo degli impianti che avrebbero portato l’intera struttura a fruttare ricavi per oltre 300mila euro l’anno!

Un vero e proprio libro dei sogni, l’ennesimo, dove a guadagnarci sono i tecnici incaricati e a perderci, tanto per cambiare, l’intera comunità cassanese!

 

Commenti  

 
#39 Io 2021-09-16 13:22
Sembra che il problema del polisportivo sia nato 3 anni fa, invece sono ventenni di degrado, anni a dietro quando questo degrado cominciava le altre amministrazioni cosa facevano? Chiedo per un amico
 
 
#38 beppe 2021-09-16 11:38
ma a Cassano c'è l'assessore allo sport e ai beni demaniali? non vigilano sull'operato degli uffici? dormono?
 
 
#37 cittadino 2021-09-16 11:06
io citerei per danni l'Amministrazione per i danni che sta arrecando al paese e chiederei immediato commissariamento per tutelare un po quel che resta. si può fare?
 
 
#36 Esperto 2021-09-16 10:51
x 27 ancora

Ancora ! Ancora devi capire com'è la musica ? Eppure abbiamo anche l' inno nazionale " FRATELLI d' ITALIA " !
Tutti Fratellni, oggi in Consiglio seduti su banchi opposti, ma che anelano a riunirsi in unico banco con la benedizione dall' alto ( ci sono le elezioni regionali ), quindi non si fanno quindi i dispettucci fra loro ...
 
 
#35 Esperto 2021-09-16 10:45
X 25 “Ai posteri” e per il Direttore Brunelli

I bandi prevedono abitualmente, quale adempimento preliminare, la nomina del RUP ( Responsabile Unico del Procedimento) cui è affidato ogni tipo di responsabilità nella produzione documentale occorrente, eccezion fatta ovviamente per la progettazione.
Il RUP di solito coincide con il Responsabile dell’ Ufficio o, più raramente, con altro dipendente “ad hoc” nominato dallo stesso Responsabile.
 
 
#34 Ai posteri... 2021-09-16 10:13
X Redazione
in merito alla vostra risposta, nella quale viene posto un interrogativo: "se la documentazione c'era e non è stata trasmessa oppure se non c'era e dunque non poteva essere trasmessa"
Nel primo caso trattasi di negligenza, quindi di colpa grave. Nel secondo caso trattasi di dolo, ovvero di consapevolezza di non avere i documenti necessari per il bando e che l'incarico di progettazione sarebbe stato inutile sin dall'origine.
Entrambe i casi costituiscono i due presupposti necessari affinché possa essere accertato un danno all'erario.
Tradotto in termini popolari, nel primo caso si tratta di "sciattoneria" nel secondo di "delinquenza".

Ovviamente ripeto, ai posteri l'ardua sentenza.
 
 
#33 Verità 2021-09-16 08:22
Fate tanto caos per nulla. Diciamo la verità, ma al giorno d'oggi chi pratica ancora sport? Vogliamo un polisportivo tutto nuovo da tenere lì come soprammobile? Cercate di essere obiettivi invece di scrivere solo per il gusto di attaccare chi amministra.
Le nuove generazioni sono solo smartphone, social e fesserie su TikTok (ultimo social demenziale).
A calcetto non gioca più nessuno, i vari campetti sparsi in paese sempre deserti.
Il tennis? Dai non gioca più nessuno a tennis da almeno 20 anni.
Pattinaggio? L'ultima società risale al 84'se non erro.
Squadre di calcio almeno di 3a categoria che giocano sul campo 11-11 manco a pagarle, inesistenti sia i giocatori che sponsor che allenatori e dirigenti. Leggo di alcuni che preferiscono dirigere fuori che a Cassano.
Allora signori, la realtà è questa, lo sport è andato a farsi benedire e le future generazioni lo snobbano.
 
 
#32 Sconcerto 2021-09-15 22:07
Ragazzi davvero una occasione d’oro persa. La motivazione è assurda non si può così. La giunta si rifaccia su quel contratto.
 
 
#31 Gta 2021-09-15 22:07
ATTENZIONE!!....scaricare le colpe unicamente a chi ha realizzato il progetto sarebbe un grave errore!!
SVEGLIATEVI CASSANESI, è questa amministrazione che non va!
 
 
#30 Siamo seri 2021-09-15 21:25
Scusa Brunelli, ma perché non pubblichi l'intero bando perché mi sa che i motivi di esclusione non riguardano la progettazione ma dichiarazioni che doveva rendere l'Ufficio comunale istruttore e non il progettista incaricato.

Risponde G. Brunelli.

Il bando è recuperabile in Rete, così come gli elenchi dei progetti esclusi e le relative motivazioni (che tra l'altro ho citato nell'articolo).
 
 
#29 Piripicchio 2021-09-15 21:16
Un altro disastro, bravi continuate così armata Brancaleone.
 
 
#28 Grazio 2021-09-15 20:59
Ne avessero azzeccata una in questi quasi 5 anni. Ah, cosa importante gente che è stata ed è considerata in gamba e che può essere considerata di spessore...
 
 
#27 ancora 2021-09-15 20:50
L'opposizione cosa dice?? C'è ancora??
 
 
#26 Indigniato 2021-09-15 20:38
Nelle condizioni in cui e'stato portato versa in un degrado totale,l'anno portato in questo degrado peche'pensavano di fare una discarica.Vi dovete v ergogniare non avete dignità né verso il paese e'ne verso lo sport importante per tutta la comunita punto nevralgico di aggregazione,da come dimostra dai vari affidamenti e'documentazioni ogni volta presentate o con ridardo o fatte male,questo dimostra che dello sport non vene freca niete.VERGOGNIATEVI VERGOGNIATEVI VERGOGNIATEVI.QUESTO E L'ESEMPIO CHE DATE AI VOSTRI FIGLI.
 
 
#25 Ai posteri... 2021-09-15 17:42
Un conto è la la progettazione, fatta dal professionista incaricato dall'Ente, altro conto è il soggetto richiedente il finanziamento, cioè il Comune di Cassano delle Murge rappresentato dal Funzionario Responsabile e dalla Giunta Comunale, che si sono serviti per la progettazione di un soggetto esterno.
Il professionista non dovrebbe centrare nulla, nell'ipotesi abbia fornito quello che gli è stato commissionato, cioè il progetto da allegare all'istanza di finanziamento.
In caso contrario, se il professionista è stato inadempiente, il Comune potrebbe chiedere un risarcimento danni, e non solo.
Se il professionista ha adempiuto ai suoi obblighi, è il soggetto richiedente il finanziamento (Comune) su cui graverebbe l'onere di accertarsi che l'istanza venga corredata da tutti i documenti richiesti dal bando.
In questa ipotesi, il danno subito dall'Ente si chiamerebbe "danno all'erario" addebitabile a chi ha un rapporto di dipendenza con l'Ente pubblico (giunta e funzionari), in quanto ha tenuto una condotta negligente da colpa grave.
Perciò mi chiedo, se fosse così, chi potrà denunciare alla Corte dei Conti il danno subito dall'Ente?
La Giunta?
Il Funzionario dell'ufficio tecnico?
Non credo! Chi denuncerebbe se stesso?
Ai posteri l'ardua sentenza.
Sarà la prossima amministrazione a farlo, se ci sarà un cambio di mano atteso dai più?
Lo vedremo, intanto ci teniamo l'ennesima vicenda di sperpero di denaro pubblico.
Ma credo che la nostra Sindaca saprà porre rimedio anche in questo caso, vero? ;-)

Risponde G. Brunelli

Il ragionamento lo trovo più che giusto. Tuttavia si badi che nella motivazione di esclusione è scritto che la documentazione è mancante: ora - come dice giustamente lei - si dovrebbe stabilire (già: ma chi?) se la documentazione c'era e non è stata trasmessa oppure se non c'era e dunque non poteva essere trasmessa (ma chi controlla i documenti avrebbe dovuto accorgersene...).
 
 
#24 critico 2021-09-15 15:16
tranquilli, tanto alle prossime elezioni vinceranno di nuovo... qua ci vorrebbe SGARBI!
 
 
#23 Contribuente 2021-09-15 14:18
Per redazione
Scusate la mia ignoranza, ma cosa prevede l'incarico/il contratto con il professionista in caso di errori tipo questo? Grazie per le delucidazioni


Risponde G. Brunelli

Purtroppo l'incarico in questione non prevede penali. Anche se, probabilmente, data la motivazione con la quale è stato bocciato il progetto, il Comune potrebbe rifarsi sul professionista, valutando la possibilità di una negligenza da parte dello stesso. Resta da decidere - e può farlo solo la Giunta Comunale - se è il caso di spendere soldi in avvocati per recuperare 50mila euro...
 
 
#22 michele bisaccia 2021-09-15 13:22
Può accadere ne project management che esternalizzando la progettazione, il progetto in sé non superi i criteri di finanziamento. E' da tenere in conto e fa parte del rischio di impresa nella pp.aa. Non sarebbe accaduto (e qui sono fazioso) se si fosse votata la lista Progetto in Comune che al suo interno aveva esperti di bandi e finanziamenti, che non solo non avrebbero esternalizzato l'istruttoria e la presentazione della pratica, ma, se avessero perso il finanziamento per un vizio di forma o di sostanza qualunque, non avrebbero sperperato una cifra definibile folle (50 mila euro). Solo che la logica del "voto il sig. X perchè mio amico", tralasciando le competenze in materia di gestione della cosa pubblica, porta sempre ad un risultato simile. Progettazione, elargizione, bocciatura.
 
 
#21 Cittadino cassanese 2021-09-15 11:49
Che vergogna vedere un polisportivo invidiato da Comuni limitrofi e non solo ridotto ad uno stato a dir poco pietoso....oggi vengono messi a disposizione fondi regionali nazionali e addirittura europei e un'amministrazione che non riesce ad accedere a nulla di tutto ciò....grazie di nuovo
 
 
#20 Dalla Corte 2021-09-15 08:58
Trattasi di negligenza da parte del soggetto che ha presentato istanza di finanziamento. Come tale, la negligenza e l'imperizia costituiscono entrambe colpa grave, quindi sanzionabile dalla corte dei conti.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.