Nuovo calo della raccolta differenziata: siamo al 58%

Differenziata a Cassano

Nuovo calo della raccolta differenziata dei rifiuti che nel mese di ottobre 2014 a Cassano ha segnato il 58,4%, oltre due punti percentuali in meno rispetto al settembre dello stesso anno (quando fu del 60,6%).

I dati sono stati diffusi quest’oggi dal Servizio Regionale.

Per ritrovare un dato così basso (a parte lo scorso agosto quando la percentuale attestò al 53,2%, per un mese da sempre difficile per la raccolta differenziata) occorre risalire al luglio del 2013 (51%) quando, però, il nuovo servizio di raccolta “porta-a-porta” stava andando a regime.

Quello di ottobre, dunque, è il dato più basso della raccolta da un anno a questa parte.

Altra nota dolente dei dati diffusi dalla Regione relativi al nostro Comune è l’aumento della “indifferenziata” che tocca le 217 tonnellate (erano 214 nel mese di settembre e “solo” 130 nel febbraio 2014, quando si toccò il punto più basso dell’anno): si tratta, ovviamente, di una diretta conseguenza del calo della differenziata ma anche di una scarsa propensione dei cassanesi a produrre meno rifiuti. Tant’è che la produzione pro capite degli stessi è passata nel giro di pochi mesi dai 33kg. di febbraio ai 40 di maggio ai quasi 42 kg. di ottobre.

Al momento, la percentuale annuale del 2014 della raccolta è del 61,14: se i dati dei mesi di novembre e dicembre non invertiranno la tendenza, saremo sotto il 65% di raccolta minima come prescritto dalla legge, con la conseguenza (come scrivevamo già il mese scorso) di dover pagare una salata “ecotassa” regionale.