Venerdì 26 Febbraio 2021
   
Text Size

Governo Drgahi: il "no" dei grillini cassanesi

E’ un NO netto al Governo Draghi, che stamattina chiede la fiducia al Senato, quello degli attivisti cassanesi del Movimento 5 Stelle, almeno di quelli più in vista.

Sia Rossana Angiulo che Giorgio Lacasella, già candidati al Consiglio Regionale della Puglia lo scorso settembre e protagonisti agli “Stati Generali” del Movimento, esprimono dissenso rispetto alla scelta di appoggiare il nuovo governo, emerso dalle ceneri del Conte II dopo la fuoriuscita di Matteo Renzi e “Italia Viva”.

“L'aspetto politico, quello delle Trattative politiche è fortemente deludente”, scrive in un messaggio l’avvocata Angiulo. “Preciso di aver votato SI al governo Guidato dal Prof. Draghi ma certamente non mi aspettavo un simile risultato anche per il contenuto del quesito che mi è stato sottoposto.  Dalla composizione del CDM, infatti, emerge chiaramente un fallimento di leadership del Movimento, nell'ambito delle trattive contrattuali, durante le consultazioni.  Il problema a mio parere non è la Condivisione del tavolo del Consiglio di Ministri con quel o quell'altro partito, per intenderci con Forza Italia. Si era perfettamente a conoscenza di questo, essendo un Governo di Unità Nazionale ed avendo risposto all'appello del Presidente Mattarella, eravamo appunto coscienti di ciò. Inoltre, non mi sembra il caso di rifarci una Limpidezza Politica sulle alleanze, quando abbiamo governato con Lega e PD, pari a Forza Italia. Il problema secondo me è l'Insussistenza del peso politico del Movimento nella composizione del Consiglio dei Ministri. Siamo la forza di maggioranza relativa all'interno del Parlamento ma di fatto i nostri Ministeri sono pari a quelli delle forze di minoranza. Se l'obiettivo politico era quello di dare continuità al lavoro svolto precedentemente, concedere ad altre forze politiche, determinati ministeri ha segnato il fallimento anche di questo passaggio.  Il passaggio più importante”.

Conclude così Rossana Angiulo: “Ritengo che questa sia la peggiore pagina della politica del Movimento mai scritta.  Io non mollo, continuerò a combattere per una società migliore cosciente del ruolo fondamentale della Politica per il bene del mio Sud e della mia Patria. Voi continuate a sentirvi Responsabili (?) ma di una tragedia Politica senza precedenti”.

Anche Giorgio Lacasella, già fortemente critico con le aperture di una parte dei Cinquestelle pugliesi alla Giunta Emiliano, è per il No a questo governo, espresso anche sulla piattaforma Russeau, la scorsa settimana.

“Fino a prova contraria – scrive Lacasella - la maggioranza relativa (33%) in Parlamento la detiene il M5S. Ho votato fermamente NO perché sapevo che non avremmo avuto potere contrattuale visto che gli altri partiti avevano già dato piena disponibilità al Presidente Incaricato Draghi, ancora prima della votazione su Rousseau. Accetto il voto su Rousseau, ma quando si è giurato per la formazione del Governo, vedendo quanto ne è uscito sarei stato fiero di essere irresponsabile nei confronti di quei responsabili che hanno distrutto il Paese”.

Nessun commento, invece, dai rappresentanti di altre forze politiche presenti in Parlamento e con propri rappresentanti a Cassano.

Da Fratelli d’Italia al Pd, tutto tace: Roma, forse, è troppo lontana.

 

Commenti  

 
#8 volavola 2021-02-19 18:19
Tempo al tempo. Ne vedremo delle belle fra un po'.Con le ammucchiate non si ottiene qualcosa di concreto. Avevo preso in considerazione solo le poltrone ma ora c'è anche la torta da spartire e questo "non buono è". Un saluto.
 
 
#7 Deluso 5 stelle 2021-02-19 15:29
Ero un gran sostenitore e poi sono rilevati più falsi e ipocriti degli altri partiti
Ormai quel partito sarà destinato all'estinzione e ciò che hanno fatto hanno perso alle regionali e perderanno alle prossime elezioni
 
 
#6 Grillo p 2021-02-17 21:50
Come diceva il vostro Beppe? Siete morti, siete degli zombie, la vostra incapacità vi sta seppellendo.
 
 
#5 uno qualsiasi 2021-02-17 19:12
d'accordo con commento 1
Dobbiamo restare uniti intorno ai temi, all'esperienza di questi anni. Sennò regaliamo il Paese a Salvini e ai peggiori. Cari Angiulo e Lacasella, prima di ergervi a paladini duri e puri ragionate con noi che votiamo 5s da ormai 10 anni e non fate proclami roboanti a nome di tutti. Vogliamo Conte alla guida del movimento, basta e avanza.
 
 
#4 muro 2021-02-17 14:52
quali sono "gli obbiettivi"reddito di cittadinanza a fannulloni e mafiosi?Creare condizioni di lavoro noo?
 
 
#3 cassanese sovranista 2021-02-17 12:38
M5S ne avete fatto di danni cito alcuni reddito di ruberia volevo dire cittadinanza bonus monopattino e bici elettriche.
 
 
#2 Subito 2000 2021-02-17 12:04
5 stelle è stato una illusione per chi gli ha votato, poi si sono dimostrati i peggiori di tutti.
 
 
#1 Elettore 5s Cassano 2021-02-17 08:46
Non sono d'accordo con il NO.
Siamo capitati in una legislatura innaturale, con persone spregiudicate come Renzi e Salvini (pilotate entrambe da Verdini). Abbiamo fatto bene quello che potevano fare, certamente con il Conte2 più che con il Conte1. Il NO ci porterebbe alla fine anticipata della legislatura e del Parlamento in cui ancora contiamo qualcosa. Il prossimo, grazie agli accordi verdiniani (dei due Matteo) potrebbe essere un parlamento fortemente di destra. Inoltre votare NO (ed uscire dal Governo) confermerebbe un'accresciuta leadership di governo proprio a Lega e Fi, rifacendo noi lo stesso errore che ha fatto Salvini nell'estate 2019. Invece bisogna essere dentro, chiedere e procedere con dossier di bandiera (l'acqua pubblica, ad esempio), fare fino alla fine il nostro dovere e, nondimeno, provare a far saltare l'accordo sottobanco tra Renzi ed il cdx che prevede, in questa o nella prossima legislatura, un incarico internazionale di prestigio e potere per il bullo di Rignano sull'Arno. Lasciamo perdere la Lezzi e qualche altro nostalgico dei governi con la peggiore Lega: dobbiamo perseguire i nostri obiettivi, almeno quelli possibili, senza farci disarmare da altri. E poi, finita la legislatura, affidarci alla leadership matura e consapevole di Conte per ribaltare un risultato che oggi appare scontato: possiamo farcela.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.