Martedì 18 Febbraio 2020
   
Text Size

PD cassanese a Congresso per eleggere il nuovo Segretario

1796409 10203049761675089 1383751452 n

Chi succederà  a Davide Pignatale alla guida del Pd cassanese?

Lo decideranno questo pomeriggio gli oltre sessanta tesserati al partito che questo pomeriggio alle 16.30 ha convocato il Congresso cittadino per eleggere il nuovo Segretario ed il Direttivo, presso la sede di via Indipendenza.

Nel decimo anno di fondazione del soggetto politico che vide la confluenza dei Democratici di Sinistra e della Margherita, oltre ad altre piccole formazioni di centrosinistra, il Partito Democratico  celebra il congresso dove si incontreranno-scontreranno le diverse mozioni e di conseguenza le diverse liste che puntano alla Segreteria del Pd locale.

Le regole congressuali dicono che fino all’ultimo momento, dopo la discussione generale sulle mozioni, è possibile presentare le candidature dunque al momento è impossibile fare previsioni. Inizialmente si parlava di una lista unitaria fra le diverse 2anime” del Pd – anche se i “renziani”, dopo l’uscita dell’ex Sindaco Vito Lionetti dal partito – sono in risicata minoranza.

I “rumors” dicono che Pignatale potrebbe essere riconfermato alla Segreteria ma con un Direttivo in gran parte rivisitato, nonostante la sua volontà di lasciare espressa la scorsa estate; ad insidiarlo potrebbe esserci la “new entry” Amedeo Venezia, Consigliere Comunale del gruppo “Primavera Cassano” oppure un outsider come Giuseppe Scatigna.

Una partita, quindi, sul filo di lana per decidere il futuro del partito in vista dell’importante scadenza delle elezioni politiche di primavera e soprattutto rilanciare l’immagine del Circolo cassanese che nel giro di pochi anni è passato dall’avere un Sindaco, tre assessori, un capogruppo e diversi Consiglieri comunali ad essere quasi scomparso dal massimo consesso cittadino. 

 

Commenti  

 
#4 X Nick la volpe 2017-10-16 07:06
Arganese chi? Quello che vola di fiore in fiore. Ma vattin va!
 
 
#3 FALSA POLITICA 2017-10-15 21:41
La fusione dei ds con la margherita e la successiva scalata di Renzi al neo maggior partito di sinistra,il famigerato PD,hanno distrutto la sinistra in Italia. Chi rappresenta oggi il pd di Renzi con le sue cortigiane Boschi,Madia,Moretti, il boaro Poletti e gli stallieri Orfini e Lotti? Le banche, i petrolieri, i pidduisti, le lobby, la confindustria. Nemmeno Berlusconi é riuscito in 20 anni a fare tanti disastri come il Matteo di Rignano in soli 3 anni. Ha scontentato operai, pensionati ed insegnanti, perdendo un milione e settecentomila voti e, nonostante tutto, continua ancora a dire che il pd é un partito di sinistra. Il fatto che ieri abbia festeggiato il decimo anniversario della nascita del pd, tutto tronfio e soddisfatto, vuol dire che la sua missione era proprio quella di distruggere la sinistra.
 
 
#2 Nick la volpe 2017-10-15 13:13
Chiudete questo fallimentare partito cassanese. Avete avuto un po di dignitá finché c'era Arganese che rimane per me la speranza per una Cassano di successo
 
 
#1 Piddista 2017-10-15 08:58
Ma quali votazioni. I quattro iscritti si sono già messi d'accordo.
Peggio del Pignatale non si può fare.
Hanno sprofondato il partito di due famiglie in appena 2 anni.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.