Lunedì 17 Febbraio 2020
   
Text Size

Warning: getimagesize(images/stories/archiviofoto/18425038_1265242590260744_5357062031022840860_n_copy.jpg) [function.getimagesize]: failed to open stream: No such file or directory in /home/cassanoweb/public_html/plugins/content/contentoptimizer.php on line 189

Warning: filesize() [function.filesize]: stat failed for images/stories/archiviofoto/18425038_1265242590260744_5357062031022840860_n_copy.jpg in /home/cassanoweb/public_html/plugins/content/contentoptimizer.php on line 196

"Cassano sicura": oggi incontro con testimoni anti-camorra

18425038 1265242590260744 5357062031022840860 n copy

Dalla lista "Più Cassano", riceviamo e pubblichiamo.

Il tema della Sicurezza oggi rappresenta l’argomento più sentito, quello verso il quale si cerca di trovare le soluzioni più immediate e senz’altro più idonee per fronteggiare l’espansione delle attività criminali che non lasciano margini di tollerabilità.

“Più Cassano” sta costruendo un percorso culturale, civico e civile che non può e non deve esaurirsi con l’imminente appuntamento delle urne del prossimo 11 giugno.

“Più Cassano” è impegnata in un risveglio delle coscienze critiche, che passa anche attraverso la tornata elettorale, ma che mira ad una rivitalizzazione completa e trasversale del tessuto cittadino.

È per questo che siamo lieti, onorati ed orgogliosi di ospitare mercoledì 7 giugno in Piazza Merloni alle ore 19.30, Don Giovanni Umberto Mastronardi e Marcello De Rosa, rispettivamente parroco di Bonea (prov. di Benevento) e sindaco di Casapesenna (prov. di Caserta) di recente premiato come esempio di legalità.

Entrambi hanno in comune un filo conduttore, tanto prezioso quanto fragile: l’impegno inesorabile, senza sosta, ripensamento o perdita di coraggio, contro la camorra.

Anzi, per meglio dire, contro il sistema camorristico, che al di là dell’atto criminale e criminoso è un modo di pensare, di muoversi, di parlare, di agire.

La loro lotta comporta anche la perdita della libertà personale, visto che ormai da anni vivono e convivono con l’ala protettiva del protocollo di protezione, comunemente chiamato “scorta”.

Don Giambo (come è affettuosamente soprannominato dai suoi fedeli) e Marcello De Rosa ci spiegheranno che non girare la testa dall’altra parte è possibile, perché la dignità è un frutto che può crescere dappertutto, se innaffiato instancabilmente, senza distrazioni o tentazioni, con legalità, rispetto e giustizia sociale.

“Più Cassano” in questa occasione presenterà un Progetto con 8 CONCRETE proposte per non limitarsi a parlare di SICUREZZA nel paese ma per agire concretamente per il mantenimento dell’ordine pubblico, dell’incolumità dei cittadini e della salvaguardia del patrimonio.

La cittadinanza tutta è invitata.

 

 

Commenti  

 
#8 iniziamo 2017-06-08 20:14
scusa n 3
Ti ricordo della inoltre che se invece qualcuno sa e dice in giro i motivi delle Indagini può essere denunciato. Apri gli occhi. che fai minacci o e la nuova legalita del progetto in comune. ma fammi il piacere tu lionetti e del re e tuuta la combriccola del blasco
che ci fosse un cassanese in questa liata....
poi non so perche 2 anni fa questi signori parlavano male della lista dimedio zullo e ora sono tutti amici

strana la vita. il mio capo lo dice sempre ognuno di noi ha un prezzo basta mettersi daccordoe si va avanti

BEL COMPLOTTO
 
 
#7 Interessante 2017-06-07 22:08
Forza DELRE continua così. Sosteniamolo
 
 
#6 rispetto 2017-06-07 16:09
qualcosa di buono
 
 
#5 volpe 2017-06-07 13:34
Che della legalita' il RE abbia fatto il suo cavallo di battaglia,d'accordo.M a parlare di camorra napoletana a Cassano e' MOLTISSIMOOOOOOO ESAGERATOOOOO.Cambia disco,o meglio,programma elettorale!!!
 
 
#4 equilibrio 2017-06-07 11:30
le solite pagliacciate pre elettorali
 
 
#3 X mbo 2017-06-07 11:13
Caro Mbo forse non ti han detto che anche Lionetti, Del Re e qualcun altro... han fatto i loro esposti.
Dunque se la Finanza viene far visita non dar per scontato che lo faccia per indagare solo su quello che piace a te…
E ti ricordo che parlare di illegalità in caso di rinvio a giudizio è inopportuno: figuriamoci solo nella fase di indagine.
Pensiamo ai condannati, e ce ne sono tanti, a supporto delle liste forti.
Ti ricordo della inoltre che se invece qualcuno sa e dice in giro i motivi delle Indagini può essere denunciato. Apri gli occhi.
 
 
#2 Mbo 2017-06-07 10:28
Del Re che parla di legalità?? Ma la G.d.F. che ci faceva allora nel Comune dopo Lionetti e Del Re?
 
 
#1 Kira 2017-06-07 08:46
Incontro molto interessante nelle premesse. La legalità parte da queste testimonianze. Bravo Del Re
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.