Venerdì 28 Febbraio 2020
   
Text Size

De Grandi: "Ecco perchè il Sindaco mi ha tolto le deleghe"

mirima de grandi

Dalla Consigliera comunale Maria De Grandi, già Assessore al turismo, cultura e sport dell’Amministrazione Lionetti, sfiduciata un paio di settimane fa dal Sindaco, riceviamo e pubblichiamo.

Ho atteso pazientemente le spiegazioni del Sindaco, che si è trincerato prima dietro un laconico venir meno del rapporto di fiducia, che dice tutto e non dice nulla, e poi dietro la barzelletta della mancata “produttività” dell’Assessore. Salvo una nuova versione, a suo dire non avrei fatto nulla.

Bene, il Sindaco non ha spiegato le motivazioni reali per cui ha deciso di ritirare le deleghe. E a passare per una nulla facente che stava in Comune a riscaldare la sedia o per una incapace non ci sto.  Adesso basta, voglio fare chiarezza, per me stessa e soprattutto per i cittadini. Poi lui dimostri il contrario, con i fatti, con gli atti, non con le chiacchiere.

Intanto voglio chiarire subito una cosa: ho gestito, per due anni, un assessorato senza risorse (e questo è riscontrabile dai dati del bilancio comunale, non dalle sue chiacchiere!). Una scelta che io stessa ho condiviso, per privilegiare un maggior contributo al sociale in un momento in cui le famiglie vivevano le difficoltà della crisi economica, e per privilegiare la scuola senza zaino, una eccellenza della nostra scuola ammirata da tutti. Scelte per le quali lo stesso Sindaco mi ha precedentemente elogiata in Consiglio Comunale (basta ascoltare le registrazioni o leggere lo sbobinamento dei consigli, parlo di fatti, non dico chiacchiere!).

Fatta questa premessa, veniamo ad un secondo punto fondamentale: il Sindaco mi ha accusata di non aver partecipato agli incontri per i bandi, facendo l’esempio Mibact, Sac, ecc. Assolutamente falso: agli incontri ci sono andata con lui, ci sono andata con il Vicesindaco, non possono negare la realtà. Mi ha accusata di non aver partecipato ai bandi: altra falsità. Intanto dovremmo capire di chi era la competenza per la partecipazione, data la divisione confusionaria delle deleghe (io cultura, il Vicesindaco beni culturali: di chi era la competenza?). Poi c’è da dire che i bandi solitamente prevedono la compartecipazione dell’Ente: se la competenza era mia, come avrei potuto partecipare non avendo le risorse da mettere a disposizione per la compartecipazione? E quelle poche volte che si è potuto fare qualcosa, la delibera è arrivata in giunta col Vicesindaco proponente (ignorando totalmente la mia partecipazione). Per lealtà ho approvato e taciuto, aspettando che le cose cambiassero. Quanto poi alle proposte, quelle poche che ho potuto fare hanno sempre incontrato il suo “Sì, ma io ho un’idea migliore”… Sì, perché lui forse ritiene di essere l’unico essere pensante.

Ma nessun cambiamento c’è stato, nonostante svariate sollecitazioni fatte al Sindaco perché si modificassero gli atteggiamenti. Al punto che nello scorso Aprile c’è stato il famoso documento con cui gli si chiedeva in maniera pubblica un cambio di rotta. Ma anche qui nulla. E tutto ciò che è stato tollerato per fiducia e per lealtà, è divenuto via via meno tollerabile man mano che passava il tempo. La non condivisione della pianificazione, la non condivisione di alcune difficili e discutibili scelte operate, gli atti forniti all’ultimo momento per la Giunta e per il Consiglio Comunale, il dover accettare sempre l’idea migliore a prescindere e non per il merito o la bontà della proposta, la zuppa precotta da mangiare, la straordinaria ordinarietà dell’emergenza sono diventati un peso insopportabile. Ed è qui che ho iniziato a mostrare insofferenza, a indagare, a controllare.

È chiaro che gli assessorati non sono comparti stagni, ma vi pare normale che vi siano continue invasioni di campo? Vi pare normale che venga emanato un bando che coinvolge l’Assessore e l’Assessorato e che l’Assessore lo scopra perché lo trova pubblicato? Vi pare normale che l’Assessore si ritrovi degli impegni già presi, senza esserne messo preventivamente a conoscenza, e li debba solo fare propri? E questa è stata l’ordinarietà quotidiana.

Veniamo ora alla famigerata gara. Ne ho contestato il metodo sin da subito, ritenendolo sbagliato. Ho chiesto al Sindaco, insieme ad altri, di fermarci a riflettere e discuterne per dare il miglior atto di indirizzo possibile per il bene della collettività e dei lavoratori stessi. Non mi ha ascoltata, non ci ha ascoltati, ha voluto procedere per la sua strada e ci siamo ritrovati l’esposto della minoranza e la lite aperta con la ditta cessante, con tanti dubbi di legittimità sull’operato e nessuna certezza di beneficio reale per l’Ente e per la comunità cassanese.

Ciò mi ha costretta a diventare intransigente. Ho chiesto spiegazioni e dati, e mi è stato addirittura detto che stavo interferendo col lavoro degli uffici. Sono stata costretta a fare l’accesso agli atti e a chiedere spiegazioni ai dirigenti, ed il quadro d’insieme che ne è venuto fuori è davvero desolante. Parlando con i dirigenti è risultato evidente il disagio che hanno dovuto affrontare e che i provvedimenti non erano poi così tanto “atti d’ufficio” come mi erano stati presentati. Ho chiesto dati per fare valutazioni, nell’esercizio delle mie funzioni, scoprendo che non esistono.

A questo punto mi sono ribellata e ho cominciato a contestare. E qui ho commesso reato di lesa maestà, sono diventata scomoda, non più allineata, non più soldatino ubbidiente; ho cominciato a non avere più fiducia cieca nell’operato di una diarchia imperante. E il Sindaco mi ha tolto le deleghe, dicendo di non aver più fiducia. Questa è la verità. Ma io non abdico al mio ruolo: sono stata eletta dai cittadini in questa maggioranza e qui resto. Finché ci sarà una maggioranza, ne sarò spirito critico e controllore attento nell’interesse della collettività.

Un’ultima annotazione, in chiusura, a scanso di equivoci e per una corretta informazione, giacchè ho letto in un resoconto fatto da una testata locale cose ascritte al mio intervento ma non veritiere, riporto integralmente le domande che ho posto al sindaco in consiglio: “Ma lei pensa davvero che si possano documentare i lavori con i selfie? Lei pensa davvero che sia legittimo che un dipendente di una ditta esterna faccia da autista ad un consigliere? E sia ben chiaro, non sto dando la colpa al lavoratore: il lavoratore ha fatto quello che gli è stato chiesto, purtroppo sbagliando a sua volta. Per lei è normale indire una gara per sei unità, ignorando che ve ne erano otto in organico nella ditta cessante? E con quale discrezionalità ha scelto i sei tra gli otto? Ha solo generato disagio, non risolvendo il problema”.

Non ho fatto nomi, né mosso accuse ad alcun dipendente, ma stigmatizzato comportamenti e procedure. Non mi si attribuiscano dichiarazioni non vere.

Miriam De Grandi Consigliere comunale

 

 

Commenti  

 
#35 Buon Natale 2016-12-03 11:23
Lionetti credo proprio che il panettone non lo mangi da sindaco ma da ex sindaco!
Quanti sbagli hai fatto e che grande errore togliere la delega alla De Grandi!
Aaaaahhhhhh poveretto, sei andato per fregare e sei rimasto fregato!
Buon Natale maestro vai a cantare jingle bells con i bambini e Buon Natale pure al vicesindaco......Buon Natale a tutti
Ahahahahahaha
 
 
#34 onesto 2016-12-02 18:12
sindaco vattinnnn
 
 
#33 pensionato 2016-12-02 17:15
scusatemi ragazzi non litighiamo fra di noi purtroppo il sindaco ha fatto cose illecite guarda la gara pulizie affidata in maniera non regolare per non parlare della piccola manutenzione quindi silenzio se avete dignita e onesta
 
 
#32 X vecchiume 2016-12-02 14:09
Caso strano: tutti quelli che hanno avuto contributi poi se la fanno al bar con la De Grandi. Sciat a zappa' mo'!
 
 
#31 PASQUINOVEROUNO 2016-12-02 12:44
x Daceglie.......sei capace di MINACCIARE SOLO SOTTO MENTITE SPOGLIE, :-x COME E' DI USO DA PARTE VOSTRA.Angela Diceglie ha il coraggio della verita'e SIAMO IN MOLTI QUALORA DOVESSE AVERE QUALCHE DENUNCIA, DA PARTE VOSTRA A SOSTENERLA.SIAMO STUFI DEL VOSTRO MODO DI FARE E DELLE VOSTRE MINACCE :-x
 
 
#30 Vergogna 2016-12-02 10:11
Almeno stai zitta.....ha fatto solo De Grandi porcherie!
 
 
#29 Vecchiume 2016-12-02 09:19
Come siete belli, con la bava alla bocca. Le erogazioni sono pubbliche,andatevele a vedere da soli!e se qui c'è chi dice che dobbiamo muovere un paese con un libro,stiamo messi veramente male.andiamocene a dormire!
 
 
#28 Daceglie 2016-12-02 09:12
Diceglie prima o poi una denuncia te la prenderai.statti a casa a leggere i libri e non scocciare chi lavora per il paese.non sei nessuno.ricordalo.
 
 
#27 Stanco 2016-12-02 08:42
A De Gra' queste sono parole utili solo a pararti in c.... Te ne devi anna' +++ tu e tutti i tuoi amichetti...Vitino avevi fatto squadra per entrare e ora sulle cose da dividere non ti trovi!!! Annatevene a casa tutti quanti!!!
 
 
#26 Angela Diceglie 2016-12-01 21:28
ex assessora alla cultura ma lo sai cosa è la cultura ? Hai mai organizzato un evento culturale , presentato un libro un avvenimento, sai solo pettegolare ed aggredire , hai fallito
 
 
#25 circolo richreativo 2016-12-01 16:55
x alta murgia ma sei parente del sindaco vergognati vai de grandi siamo in tanti pronti a difenderti con nome e cognome manda a casa quel sindaco
 
 
#24 azzurro 2016-12-01 16:41
vai miriaim brava
 
 
#23 Mah 2016-12-01 15:37
...ma chi è?!
 
 
#22 Gimmy Campanale 2016-12-01 12:42
CHIEDO AL COMMERCIALISTA LA PROSSIMA VOLTA DI MIGLIORARE DI MOLTO I CRITERI DI SELEZIONE DEI SUOI CANDIDATI SEPPURE SONO CONSAPEVOLE CHE NON VI ERANO MOLTE ALTERNATIVE. TRA ATTUALI ED EX ASSESSORI ALL'AMBIENTE E RIFIUTI E EX ASSESSORI ALLA CULTURA NON NE' BECCATI UNO BUONO.
PECCATO I VOTI LI HAI RIMETTITI IN GIOCO DIRETTAMENTE E FAI UN GROSSO IMPEGNO AL PAESE. FORZA
 
 
#21 PULCINELLA 2016-12-01 12:11
Lionetti affossato da servi sciocchi operai col cacciavite in tasca e BASTA... donzelle piene di grandi PROMESSE ma pasticcione questo ha privilegiato il grande politico...ma di cosa parliamo ... BASTA IL PAESE MERITA SERIETA'....vaia sacuola e senza zaino...
 
 
#20 Assessora 2016-12-01 12:05
Se è vero quel che dice perché non rende pubbliche tutte le erogazioni fatte in due anni ai suoi amici??? Non vi era crisi a Carnevale? E a Natale scorso? Facesse un tabulato pubblico, poi vediamo che persona è!
 
 
#19 Vergogna 2016-12-01 11:56
Zitta almeno!!!!! Ti sono servite solo per dare i nostri soldi ai tuoi amichetti.
 
 
#18 parentopoli 2016-12-01 10:58
Come la sostengono i parenti non c'è che dire.vogliamo la documentazione di ciò che ha appena affermato. Le parole vanno al vento.
 
 
#17 amica 2016-12-01 09:59
Per amico...l'aiuto esula dalla politica ....questione prettamente privata e personale.
 
 
#16 mrT 2016-12-01 08:13
Nella mia mente ho solo l’immagine di una persona beccata seduta in poltrona con i piedi sulla scrivania.
Una immagine che vale più di tante chiacchiere e polemiche. Punto.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.