Domenica 23 Febbraio 2020
   
Text Size

Cinghiali, Regione e Città Metropolitana attendono

cinghiali

Interrogazione urgente a firma del consigliere regionale Damascelli sul “Controllo riproduzione cinghiali per evitare danni ai cittadini e agli agricoltori”. Damascelli ha presentato una interrogazione relativa alla necessità di un controllo sulla riproduzione dei cinghiali, spesso causa di incidenti stradali.

All’interrogazione ha risposto l’assessore Leo Di Gioia che ha sottolineato l’attività della Giunta regionale per governare questo fenomeno: “Abbiamo dotato il bilancio di risorse necessarie per  l’Osservatorio faunistico, perché possa  attrezzarsi di quelle disponibilità che, poi, consentiranno di fare studi e monitoraggi propedeutici a tutte le eventuali iniziative che, a legislazione invariata, si possono immaginare. Con la Città Metropolitana, nei prossimi giorni, anche su iniziativa del Presidente del Consiglio, terremo una riunione specifica per capire quali sono le tematiche che, per esempio, impediscono l’utilizzo delle risorse che la Regione Puglia ha destinato alle attività, ad esempio, di ripopolamento e come e se intende procedere ai corsi per i selecontrollori, fondamentali anche per quelle misure che eventualmente potremo adottare”.

“Contemporaneamente, a livello nazionale, il Ministero ha attivato un tavolo congiunto, da un’iniziativa della Conferenza che la Regione Puglia presiede. Questo tavolo congiunto con il Ministero dell’ambiente, incardinato presso la Conferenza Stato-Regioni, è il tavolo nel quale si stanno discutendo le eventuali modifiche legislative nazionali che sarebbero, ovviamente, la soluzione reale al problema, fatto salvo che si riesca a trovare un documento condiviso da votare e che si riesca anche ad incontrare quella sensibilità ambientalista e animalista che è molto forte a livello parlamentare”.

“L’intenzione è quella di valutare nel prossimo mese il lavoro del tavolo nazionale, riconvocare il tavolo regionale per chiudere la questione delle proposte che possiamo produrre e dare seguito a questa convenzione, dalla quale aspettiamo risultati importanti, che confortino una sensazione di tutti e cioè che la popolazione dei cinghiali in particolare, ma in generale di questi animali selvatici, sia assolutamente in eccesso rispetto alle capacità ecosostenibili dell’ambiente e del sistema di convivenza con le persone e che si debbano adottare gli atti conseguenti”. 

Nulla di fatto ancora, dunque, per arginare l'espansione territoriale dei cinghiali che dai boschi dell'Alta Murgia sono arrivati sino alla città di Bari, provocando non pochi incidenti automobilistici e danni alle colture.

Commenti  

 
#3 forse 2016-01-14 09:08
Se i politici avessero 1000 euro di "STIPENDIO" al mese,viaggiassero con le utilitarie(e non con autisti e auto di grossa cilindrata),vivessero tra la gente comune FORSE si renderebbero conto dei pericoli che creano agli automobilisti i cinghiali che attraversano le strade e si dessero meno arie lavorerebbero di piu' per i cittadini che li hanno eletti!Purtroppo prima delle elezioni dicono:FAREMO,FAREMO,FAREMO,FAREMO,FAREMO...dopo eletti ne si sentono e ne si vedono!!!!E I PROBLEMI SI MOLTIPLICANO!!!
 
 
#2 Saggio 2016-01-14 07:14
Basterebbe aprire la caccia per un paio di mesi..... Ci vuole tantooooo!!!
 
 
#1 michel 2016-01-14 01:10
Si attende con ansia una sagra dedicata...
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.