Domenica 23 Febbraio 2020
   
Text Size

MIANULLI: ”LA BELLEZZA DEI VOLTI FEMMINILI”

rossella_mianulli


Classe 1982, giovane artista autodidatta cassanese, Rossella Mianulli ha presentato  nel pomeriggio di ieri le proprie  tematiche attualmente esposte presso la Biblioteca Civica di Cassano.

Ammirando le sue opere possiamo intravedere una sottile e leggiadra malinconia che traspare dai volti femminili  rappresentati.

L’essere umano è immerso nella dimensione temporale, nella quale vive ansie, angosce e paure, patimenti, felicità, ricordi ed emozioni intrinseche, presenti nel proprio animo. La bellezza estasiante, quasi reale dei volti di queste donne, travolge e soprattutto coinvolge tutti coloro che apprezzano le opere del nostro giovane talento.

La presentazione della mostra è stata aperta da Ignazio Zullo, Consigliere Regionale secondo il quale ”Nel momento in cui parliamo d’arte,il nostro cuore si anima di gioia, di soddisfazioni, infatti, abbiamo bisogno di incamminare, di formare lungo i nostri sentieri, nuovi uomini pronti a percepire sensazioni nuove, positive che ritrovino nell’arte un momento d’ispirazione”.

Durante l’incontro, è intervenuto il giornalista Gustavo Delgado che ha asserito:”La pittura di Rossella,rappresenta la capacità creativa dei nostri giovani. Trovo in questa serie di quadri una multiforme capacità,un ricco impegno da parte di quest’artista. Attraverso le espressioni femminili,la stessa sa cogliere appieno il malessere delle donne di oggi,spesso schiave ,accerchiate da un mondo ostile. Possiamo notare una notevole differenza fra i primi e gli ultimi quadri. I primi rappresentano la fuga dalla realtà,mentre le ultime riscattano in un certo qual modo le prime,infatti le tonalità presenti sono vivaci e danno allegria al quadro,il tutto è affidato alla fantasia dell’artista. Non so che tipo di  messaggio abbia voluto trasmettere la nostra pittrice,però ammiro con attenzione la varietà di tecniche utilizzate dalla stessa. Rossella ha raggiunto un grado di maturità elevata,infatti è in grado di cogliere perfettamente emozioni,sensazioni,è presente nelle sue tematiche una tormentosa evoluzione,frutto di un reale approccio con la vita,è dotata di una profonda capacità espositiva  (lo  possiamo notare soprattutto nei bassorilievi),il tutto può essere fatto con grande serenità da parte sua.”

Rossella, dal canto suo :”Da secoli la donna è oggetto dell’arte. Il volto è il vocabolario della rappresentazione umana della donna. Il volto è lo specchio, ha la funzione di riflettere la nostra personalità. Ci ritroviamo di fronte ad uno specchio, dove l’altro diventa il nostro temibile avversario,l’attesa rappresenta  il principio cardine delle mie tematiche, in cui l’uomo riscopre la propria tragicità,in quanto sperimenta prima la morte altrui,poi la propria.”

Durante l’incontro è intervenuto Lello Spinelli, critico d’arte e curatore della mostra, che ha spiegato l’importanza della psicogenesi, collegando tale termine all’essenza e alla finalità dell’arte, intesa come un qualcosa di trascendentale, che pone l’artista ad un confronto con se stesso e con il prossimo. Lo stesso ha affermato: ”L’arte sintetizza tutto ciò che esprime la nostra personalità; l’artista non è legato all’attimo fuggente, ma alla realtà cosciente e subcosciente, l’arte è un qualcosa in continuo travaglio, in quanto l’artista ha la capacità di ricreare la realtà dell’essere per spiegare se stesso e la realtà del proprio essere. La fantasia supera la realtà, quindi l’arte rappresenta la sintesi dell’intelletto legato alla sensibilità dell’artista’arte si sta allontanando dal pubblico, infatti molti preferiscono guardare una partita di calcio piuttosto che apprezzare una mostra di quadri.”

La poetessa e scrittice  Anna Sciacovelli è intervenuta affermando l’importanza dell’attesa, intesa come movimento. La stessa ha asserito:”Fino a poco tempo fa, nel nostro paese era impossibile vedere delle donne pittrici in quanto le stesse erano dedite alla famiglia e al lavoro nei campi, infatti molte venivano definite spigolatrici. Il grano raccolto serviva a sfamare la famiglia e soprattutto se stesse”.

Durante il dibattito sono intervenuti diversi pittori cassanesi fra cui Enza Luiso e Umberto Colapinto, che hanno sostenuto l’importanza dell’arte ed hanno apprezzato le opere della giovane artista,la stessa ha ricevuto i complimenti da parte dell’Assessore alla Cultura, Pierpaola Sapienza, del Sindaco Maria Pia Di Medio, del vicesindaco Michele Ruggiero e da tutta l’Amministrazione Comunale.

La mostra resterà aperta fino al prossimo 30 ottobre secondo gli orari della Biblioteca Civica.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.