Martedì 07 Luglio 2020
   
Text Size

La Cassazione annulla la condanna per Franco De Grandi

TOGHE AVVOCATI

La Corte di Cassazione ha annullato senza rinvio la condanna per il reato di concussione inflitta nell'aprile 2019 dalla Corte di Appello di Bari nei confronti di Franco De Grandi, ex funzionario dell'assessorato regionale Industria e Innovazione Tecnologica, riqualificando i fatti nell'ipotesi di induzione indebita, dichiarata prescritta, e confermando il risarcimento dei danni nei confronti della Regione Puglia.

Franco De Grandi, cassanese, già impegnato in politica a diversi livelli (è stato Assessore in diverse Giunte Comunali nonchè Presidente della disciolta Comunità Montana, rispondeva di concussione per aver intascato, dal 2006 al 2008, 770 mila euro sotto forma di tangenti per facilitare le pratiche di alcuni consorzi turistici - risultati fittizi - che volevano accedere ai finanziamenti regionali e che infatti percepirono indebitamente contributi per oltre 1 milione di euro (i titolari, Francesco Morrone e Roberto Walter Sisto, hanno patteggiato anni fa per truffa alla Regione).

Nel processo sulle tangenti, il funzionario era stato condannato in primo e secondo grado alla pena di 6 anni di reclusione.

La Cassazione ha riqualificato il reato da concussione in induzione indebita a dare o promettere utilità e ne ha dichiarato la prescrizione, revocando la confisca dei beni sequestrati all'imputato ma confermando le statuizioni civili.

La Regione Puglia, cioè, costituita parte civile con l'avvocato Massimo Leccese, potrà avviare una causa civile per ottenere il risarcimento dei danni.

I giudici della Cassazione hanno inoltre rigettato il ricorso della Procura generale di Bari, confermando l'assoluzione per il figlio Vito De Grandi, imputato per reimpiego di denaro provento di attività illecita, per aver incassato - secondo l'accusa - parte di quei soldi versandoli sui conti correnti bancari intestati all'oleificio di cui era titolare a Cassano delle Murge.

I due imputati sono difesi da Michele Laforgia e Tommaso Barile (Polis Avvocati).

Nell'ambito di questa vicenda Francesco De Grandi fu arrestato nel giugno 2010 (28 giorni ai domiciliari) e gli furono sequestrati beni per oltre 600 mila euro, ora interamente restituiti. 

 

Commenti  

 
#24 checco 2020-03-02 13:51
Bretell ha colpito ancora. Anche i Giudici conosce.E' un grande. Anzi in De Grande
 
 
#23 Kendall 2020-03-01 19:38
Il reato è prescritto e ciò che si dovrà pagare si pagherà. E con questo, si cali il sipario e la si smetta con la curiosità morbosa per le beghe di paese.
 
 
#22 Precisazione 2020-03-01 17:02
x E mè
Magari avessi studiato la metà di quanto ho studiato io.
 
 
#21 Snocciolatore 2020-02-29 18:49
Redazione.
Perché nn mi avete pubblicato il commento???

LA REDAZIONE

Evidentemente vìolava il Regolamento.
 
 
#20 per commento 18 2020-02-29 11:22
Si ricordi una cosa, che la legge non ammette ignoranza e nel suo commento ci sono molte illazioni e accuse, quindi ci sono tutti gli estremi per una bella querela: perché caro “cittadino” le sentenze definitive vanno accettate, nel bene e nel male. Si prenderà, sicuramente le responsabilità di ciò che dice, soprattutto in due passaggi del suo commento.
Le auguro una bella giornata
 
 
#19 Tranquilli 2020-02-28 10:00
Sicuramente qualche peccato tutti lo commettiamo però ora dire poveretto o brava persona mi sembra esagerato...nn so vogliamo fargli una statua e portarla in processione con tanto di fedeli a seguito?????
 
 
#18 SNOCCIOLATORE 2020-02-28 05:31
Gentile Redazione gradiremmo conoscere,ove possibile,come e se restituiranno 'l'indebito l'imputato ed i suoi diretti affini,ovviamente a valle delle prossime processuali...

NON VOGLIO E NON POSSO CREDERE,che ''BOCCACCIO e VITTORIA''siano il classico Italiano medio che Idolatra'banditi da strapazzo e di 4' classe'come i suddetti che provando ad arricchire i loro Figli li rovinano in questo modo.

...CHE QUANDO va tutto bene li avranno educati a rubare ed arricchirsi indebitamente
Quando poi va male PERCHE PRIMA O POI VA MALE FIDATEVI si finisce cosi ...

...e magari snobbano altri che si spaccano in due la schiena per lavorare onestamente ed onorare gli impegni presi in tutti i sensi....(tasse,fornitori,etc)

MEDITATE POPOLO IGNORANTE...

PERCHE COME DICE UN UMILE ED ONESTO LAVORATORE CASSANESE DA ME MOLTO STIMATO MA BEN NOTO IN PAESE

''TUTTO FINISCE''
 
 
#17 Ciccio Riccio 2020-02-27 22:39
Che bello....la prescrizione.
Quasi gli dobbiamo chiedere scusa se gli abbiamo dato fastidio.
Giudici e leggi di......
 
 
#16 pane quotidiano 2020-02-27 20:20
questo come altri casi:dopo DIECI anni il processo si chiude e con la prescrizione!Ma i giudici in questi dieci anni non hanno lavorato un beato C...ZO.E prendono stipendi da nababbi!L'ITALIA fa proprio SCHIFO!
 
 
#15 Estiquatsi 2020-02-26 22:30
007matera, ipocrisia un paio di ciuffoli
 
 
#14 69 2020-02-26 18:07
Per 88:le scuse sono dovute,per quanto riguarda il rimborso,una parte sarà devoluta ad una casa di cura per l'apertura di un nuovo reparto per ricoveri di sfigati da tastiera. :cry: :o
 
 
#13 E mè 2020-02-26 17:57
X Precisazione:Fatti curare,nel frattempo
vai a studiare.
 
 
#12 007 matera 2020-02-26 16:58
E basta con questo perbenismo ipocrita.
Chi è senza peccato scagli la prima pietra disse Gesù.
 
 
#11 Pinos 2020-02-25 19:51
Redazione buonasera ma cosa significa induzione indebita a dare ?
 
 
#10 Precisazione 2020-02-25 18:37
Bene Redazione per aver eliminato la parola "assoluzione" dal titolo dell'articolo. Ma per essere precisi occorre dire che è stata dichiarata la prescrizione (e non annullata la condanna) essendo decorsi i termini perchè il reato possa essere perseguito penalmente. La condanna al risarcimento in favore della costituita parte civile permane.
Ritengo che le informazioni ai cittadini debbano essere fornite con i termini corretti.
 
 
#9 Fontana jimmy 2020-02-25 15:29
Signori della redazione ma è giusto il titolo dell'articolo ?
Cosa significa prescrizione ?

LA REDAZIONE
Il reato di induzione indebita è prescritto dopo 10 anni. Dunque il processo è morto.
 
 
#8 soltanto 2020-02-25 13:29
bravo PRECISAZIONE
 
 
#7 Domenico De Benedict 2020-02-25 11:18
L' Italia fa schifo! Si commettono reati e attraverso cavilli ....interpretazioni e non applicazioni di leggi ....nessuno paga....! È meglio andarsene dall' Italia....
 
 
#6 Precisazione 2020-02-25 08:49
Nell'articolo si parla di "dichiarata prescrizione". E' errato parlare di assoluzione. Il reato esiste, tant'è che sono confermate le statuizioni civili, ma è dichiarato prescritto.
 
 
#5 88 2020-02-25 08:42
Era prevedibile. Siamo in Italia.Ora sarà rimborsato con tante scuse.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.