Domenica 23 Febbraio 2020
   
Text Size

Warning: getimagesize(images/stories/archiviofoto/gallery/2009/feste_aperte.jpg) [function.getimagesize]: failed to open stream: No such file or directory in /home/cassanoweb/public_html/plugins/content/contentoptimizer.php on line 189

Warning: filesize() [function.filesize]: stat failed for images/stories/archiviofoto/gallery/2009/feste_aperte.jpg in /home/cassanoweb/public_html/plugins/content/contentoptimizer.php on line 196

CASSAZIONE, AGRITURISMO MULTATO

feste_aperte

Fioccano le multe nei confronti dei gestori di agriturismi che organizzano feste aperte anche al pubblico, e non ai soli clienti, senza avere ottenuto l'autorizzazione del Comune. Lo sottolinea la Cassazione secondo la quale "la previsione di partecipazione" ad eventi ricreativi "da parte di persone di passaggio elide l'applicabilita' della normativa concernente i soli ospiti delle aziende di agriturismo e dimostra con l'afflusso di persone di passaggio la dilatazione delle riunioni ben oltre l'ambito di eventi limitati ai clienti dell'azienda". Con la conseguenza che occorre l'ok del sindaco "in relazione all'ordine pubblico e all'organizzazione".

Per non essersi attenuta a queste regole, dunque, un agriturismo della provincia di Bari, a Cassano delle Murge, si e' visto convalidare una multa di 258 euro irrogata dal giudice di pace di Acquaviva delle Fonti per avere organizzato l'1 e il 6 gennaio 2004 due feste con trattenimenti danzanti in luogo aperto al pubblico senza l'autorizzazione del sindaco. Inutilmente il titolare dell'agriturismo si e' rivolto a piazza Cavour sostenendo, a sua discolpa, "l'occasionalita' degli eventi" e il fatto che non ci sarebbe l'obbligo di richiedere al sindaco la licenza.

La seconda sezione civile (sentenza 15375) ha respinto il ricorso e ha evidenziato che se l'agriturismo organizza feste per il pubblico esterno e' tassativamente necessaria "l'autorizzazione del sindaco in relazione all'ordine pubblico e all'organizzazione" che ne consegue. Quanto alla sporaditica' delle feste, la Cassazione ritiene che "la successiva cessazione di tali eventi ben poteva essere dovuta alla contestazione delle infrazioni".

Fonte: Adnkronos

Commenti  

 
#5 Guido 2009-07-04 16:33
cassaneseDOK...ma DOK si riferisce all'omononimo supermercato??
Guarda che era l'agriturismo a dover chiedere l'autorizzazione al sindaco, non il contrario!
E dovresti ricordartelo bene dato che l'anno scorso, di questi tempi, un'altra iniziativa del genere fu sospesa per lo stesso motivo sul piazzale del Convento, perchè è "tassativamente necessaria l'autorizzazione del sindaco in relazione all'ordine pubblico e all'organizzazione".
La legge bisogna conoscerla, applicarla e RISPETTARLA!!
Ma sappiamo bene che da alcune parti politiche e sociali è considerata solo un orpello...Studiate che è meglio!
 
 
#4 cassaneseDOK 2009-07-03 20:58
guidoooooo....ma "il fatto" è accaduto il primo ed il sei gennaio del 2004!!!c'era ancora Gentile.....
ma ci 6 o ci fai?!?!?!mah!
 
 
#3 Guido 2009-07-03 16:55
Perchè da solo??
Suono e canto per te, al quale, so, la mia musica e le mie parole piacciono tanto...;-)
 
 
#2 giogio 2009-07-03 16:43
E bravo Guido...
Te la suoni e te la canti da solo...
Comlimenti vivissimi... ;-);-);-)
 
 
#1 Guido 2009-07-03 14:30
A conferma (se ce ne fosse ancora bisogno) che Gentile è stato un ottimo sindaco, che conosceva e sapeva far applicare la legge.
Speriamo si continui sulla strada della LEGALITA'!
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.