Martedì 04 Ottobre 2022
   
Text Size

Terme per anziani, "Cassano Avanti" presenta una interpellanza

LOGO-8

Risorse economiche poco calibrate, che rischiano di rendere problematica la partecipazione degli anziani cassanesi alla settimana di cure termali proposta e organizzata dall’Amministrazione Comunale dal 4 alll’11 settembre prossimi presso uno stabilimento di Margherita di Savoia.

Iniziativa lodevole, già sperimentata in altri anni ma che rischia di lasciar fuori proprio coloro che ne hanno più bisogno, avendo risorse economiche limitate, dato che non è prevista alcuna gratuità.

È quanto denuncia il Gruppo Consiliare “Cassano Avanti” con una interpellanza presentata al Sindaco Davide Del Re, in merito all’Avviso Pubblico di qualche giorno fa.

Le obiezioni del gruppo di minoranza sono legate ai costi che gli anziani dovrebbero sopportare per la partecipazione al soggiorno termale, ovvero 490,00 € pro-capite, ed il relativo contributo del Comune (che ha stanziato complessivamente 10mila euro) proporzionato al valore ISEE.

Per i redditi da € 0 sino ad € 7.500,00, il contributo dell'Ente sarà pari ad € 147,00; il contributo a carico del partecipante sarà di € 343,00; per i redditi da € 7.501,00 sino ad € 15.000,00, il contributo dell'Ente sarà pari ad € 73,50 e il contributo a carico del partecipante sarà pari ad € 416,50.

Per i redditi oltre € 15.000,01 il contributo di € 490,00 sarà a totale carico del partecipante.

“Ma la fascia Isee da € 0 a € 3.000 non rappresenta la stessa condizione sociale di chi ha un Isee da € 3.000 a € 7.500 – spiega nella interpellanza la Capogruppo Raffaella Casamassima -  e visti i tanti anziani percettori di pensioni sociali che non superano i € 600,00/mese, non sarebbe stato più opportuno e “socialmente più efficace”, a fronte di uno stanziamento di Bilancio pari ad € 10.000,00 riconoscere almeno 10 gratuità permettendo in questo modo la partecipazione a tutti quei soggetti che vivono in una condizione di reale difficoltà economica?”.

Aggiunge la Consigliera: “anche con la compartecipazione massima prevista, pari a 147,00 €, l’anziano dovrebbe comunque sostenere una spesa di € 343,00 per una sola settimana e vivere per le restanti tre settimane con € 257,00: si ritiene davvero di aver con questa scelta, contribuito ad occuparsi delle persone in condizioni di fragilità sociale ed economica? Non sarebbe stato più utile riconoscere, detratte le gratuità, sulla restante disponibilità di Bilancio una detrazione proporzionata in base al numero di domande pervenute?”.

Ostacoli, dunque, che rischiano di scoraggiare la partecipazione degli anziani all’iniziativa, in particolare da parte delle persone con redditi più bassi che dovrebbero essere, invece, i primi a cui fornire la possibilità di trascorrere sette giorni di vacanza con pochi euro.

 

Commenti  

 
#11 PERPLESSO 2022-08-15 07:08
Ma non era meglio anziché mandarli alle terme, portare compagnia alle case di queste persone, che vogliono solo stare in compagnia, visto che la solitudine è al primo posto? E i soldi delle terme darli a mo di buoni spesa?
Tutto ciò ricadrà sempre poi sulle tasche di tutti.
 
 
#10 Orion 2022-08-11 06:33
BATTISTA HAI CAPITO CHE DEVI STUDIARE.
 
 
#9 Allegra 2022-08-10 18:09
eh caro col32 dobbiamo stare attenti a non accendere le luci che per mo non se ne esce!
 
 
#8 Col.32 2022-08-10 13:18
Poveri noi in che tunnel siamo finiti.
 
 
#7 Allegra 2022-08-10 07:17
Ma le tarme gli anziani già ce le hanno....a che servono altre!?
 
 
#6 Sinastra 2022-08-09 20:52
Fate una cosa,chiamateli a ripetizione quando finiscono la giunta.
Un'ora al giorno.
 
 
#5 Zio.3 2022-08-09 20:49
Questi sono sempre stati i frutti della Sinistra,altro che lista civica.
 
 
#4 Gina 2022-08-09 20:48
In effetti mia madre con una pensione sociale di € 350 dove si presenta?
Questi sono stati e saranno i frutti della Battista,con il resto.
Tutto senza minimo di logica.
 
 
#3 Elettore02 2022-08-09 20:35
Ah ma quindi abbiamo una opposizione?
Sono gli stessi che c'erano prima in consiglio comunale... dall'altra parte ????
 
 
#2 d 2022-08-09 19:20
Due questioni.
1. Ma se si da la gratuità ai redditi più bassi non rischiamo di vedere arrivare decine e decine di domande?
2. Ma negli anni passati, l'amministrazione con Caprio e Giustino, firmatari dell'interpellanza, quali partecipazioni economiche aveva previsto? Forse le stesse? E sono le stesse almeno la decenza di non firmare l'interpellanza non sarebbe stata opportuna^
 
 
#1 Dubbio 2022-08-09 19:06
Signora Battista avevamo detto di non fare le cose tanto per farle.
Dopo i centri estivi solo per i bambini disabili, questo? Gli anziani non arrivano a fine mese e li vuole mandare alle terme facendoli pagare?
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.