Lunedì 01 Giugno 2020
   
Text Size

Non sono ancora disponibili i buoni spesa per emergenza Covid-19

comune

Riunione urgente in Comune, questa mattina, per definire le modalità di distribuzione dei buoni-spesa stanziati dal Governo centrale per sopperire alle necessità delle famiglie cassanesi bisognose, messe in ginocchio dall'emergenza sanitaria.

Componenti dell'Amministrazione Di Medio e degli Uffici (Bilancio e Servizi Sociali) si sono incontrati per determinare le modalità di accesso ai benefici, in attesa che materialmente i soldi vengano erogati dallo Stato e versati nelle casse del Comune.

A Cassano dovrebbero essere stati assegnati poco più di 120mila euro, da erogare a persone e famiglie che vengono già seguiti dai Servizi Sociali del Comune o di cui gli stessi sono a conoscenza anche attraverso enti ed associazioni del territorio.

Va avanti e con un buon  riscontro, intanto, l'iniziativa "Il carrello della caità": presso numerosi punti vendita del paese la Caritas ha posizionato carrelli dove chiunque può depositare qualcosa (pasta, latte, sughi, riso, ecc.) per poi essere distribuito alle famiglie bisognose.

Q

 

 

 

Commenti  

 
#7 Onesta 2020-03-31 20:10
X Manuel che ti senti in colpa?io dico quello che penso e quello che vedo.tu sicuramente fai parte di queste persone cosiddette bisognose ma in realtà non lo è. La verità ti fa male .pensa a sfamare i tuoi figli e alle loro priorità.
 
 
#6 X manuel 2020-03-31 18:02
Sono fatti miei. Se uno evade, sono fatti miei. Se uno lavora in nero sono fatti miei. In galera certa gente altro che sussidio
 
 
#5 Manuel 2020-03-31 13:13
Per Onesta e Ip non vi puotete fare i fatti vostri?
 
 
#4 Aa 2020-03-31 10:42
Chi ha veramente bisogno iniziasse a smettere di fumare (sia moglie che marito) così avranno i soldi per fare la spesa perché un pacchetto di sigarette al giorno non riempie la pancia...questa gente troppo viziata non sa distinguere i beni di prima necessità
 
 
#3 lp 2020-03-31 05:52
Ai voglia quanti lavorano a nero e non vogliono essere assicurati perchè voglion percepire anche i sussidi e non vogliono pagare le tasse donne delle pulizie a non finire lavori in edilizia agricoltura e occasionali.
 
 
#2 solita solfa 2020-03-30 18:32
Mi sarei stupito del contrario, scusate.
 
 
#1 Onesta 2020-03-30 16:42
Mi auguro veramente che questi soldi o buoni siano dati a famiglie veramente bisognose perché a questo paese molti che si vanno a lamentare dall'assistente sociale perché non possono mangiare :o lavorano a nero marito e moglie o li vedi che fumano5 euro un pacchetto o,caffèuccio al bar 1 €e poi si lamentano.fate prima i controlli e poi date questi soldi perché ci sono veramente famiglie in difficoltà con delle minime entrate che non vengono aiutate solo perché percepiscono il minimo e non lo trovo giusto. Vigilate.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.