Domenica 23 Febbraio 2020
   
Text Size

GARDEN VILLAGE: "CERCASI UN FINE" RINUNCIA AL PROGETTO

Garden_Village_

L’associazione “Cercasi un fine” rinuncia al “Garden Village” e all’idea di costruire su 10 delle 17 villette confiscate su via Mercadante la “Casa della Convivialità”.

Dopo il duro scambio di accuse fra Amministrazione Di Medio e l’associazione presieduta da Pino Greco, quest’ultima ha deciso di proseguire altrove l’esperienza di un progetto che unisca solidarietà e formazione: lo farà presso l’ex Ospedale Miulli a Collone, grazie ad un comodato gratuito della durata di vent’anni con l’Ente Ecclesiastico  Ospedale “F. Miulli” finalizzato alla ristrutturazione e utilizzo di due piani del complesso.

Questo  accordo - spiega l’Associazione - è  stato  possibile  grazie  alla  disponibilità  di  Mons.  Mario  Paciello,  Governatore  dell’Ente  Ecclesiastico nonché  Arcivescovo  della  Diocesi  di  Acquaviva-Gravina-Altamura e di Mons. Domenico Laddaga, suo delegato”.

La “triste vicenda”, come la stessa associazione definisce la diatriba sull’ex villaggio turistico di via Mercadante, si chiude, da parte di “Cercasi un fine”, con la ricostruzione della lunga cronistoria (la leggete qui sotto) che negli ultimi 18 mesi l’ha contrapposta all’Amministrazione comunale cassanese fino alla rinuncia, da parte del sindaco Di Medio, del finanziamento da 1 milione di euro messo a disposizione dal Ministero dell’Interno per cominciare la ristrutturazione; accusa sempre respinta da parte del sindaco che ha parlato di “prudenza amministrativa” visti due ricorsi ancora pendenti sul complesso, uno presso la Corte dei Diritti dell’Uomo di Strasburgo da parte del costruttore Varvara e uno presso il TAR di Bari da parte della Lipu Puglia e del Partito Democratico di Cassano.

Nella lettera, fra l’altro si fa notare come l’Associazione abbia cercato altre soluzioni sul territorio cassanese, anche queste osteggiate dal Comune: da qui l’addio definitivo al progetto da realizzarsi su questo territorio.

Commenti  

 
#4 Ruben 2010-12-09 12:04
Cassano perde l'ennesima occasione per valorizzarsi e crescere qualitativamente. L'amministrazione Di medio ha sbagliato tutto su questa vicenda rinunciando ad un finanziamento di un milione di euro. Smettela di giocare al gatto e topo per non dare meriti a chi non ha votato per voi, e iniziate a lavorare per i cittadini.
 
 
#3 robin hood 2010-12-08 16:55
ed il fine di queste villette? se sarà quello di restituirle a gravinese Cassano scoprirà l'atomica, altro che le pale eoliche
 
 
#2 per volavola 2010-12-08 11:24
Come si dice a Cassano, "IUUUUUSSSCCCCC".
Salutaci 'gnaz, Giuwann e Maria P'....
IUSSSSSCCCCCCCCCCCCC!
:lol: :lol: :lol:
 
 
#1 volavola 2010-12-07 23:46
Finalmente hanno "Cercato un fine "altrove.Mi meraviglia che non siano andati a Gioia del Colle c/o il lebbrosario(gestito dal Miulli) visto che è inutilizzato e costa alla regione Puglia se non erro sette milioni di euro di euro.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.