Warning: getimagesize(images/stories/archiviofoto/anziani.jpg) [function.getimagesize]: failed to open stream: No such file or directory in /home/cassanoweb/public_html/plugins/content/contentoptimizer.php on line 189

Warning: filesize() [function.filesize]: stat failed for images/stories/archiviofoto/anziani.jpg in /home/cassanoweb/public_html/plugins/content/contentoptimizer.php on line 196

STRUTTURE SANITARIE, DUE PROGETTI APPROVATI

anziani

Approvata dalla Regione Puglia la graduatoria ufficiale dei progetti finanziabili per la “Realizzazione di infrastrutture sociali e sociosanitarie in Puglia".

Sono stati stanziati 30 milioni di euro ripartiti tra progetti presentati da soggetti pubblici e privati: si tratta di fondi che saranno spesi per la realizzazione di nuove strutture sociali e sociosanitarie; per la ristrutturazione, ampliamento e/o adeguamento agli standard previsti dalla Regione per strutture già esistenti, per l'adeguamento di altre strutture e servizi innovativi rispetto ai modelli di offerta già presenti nei diversi contesti territoriali.

Nell'ambito di una graduatoria di 74 progetti ammissibili, sono trentasei quelli ammessi a finanziamento.

Tra i 74 due strutture cassanesi: la “Santa Maria Assunta – Centro Anziani srl” e la “Residence per anziani srl”, entrambe per un progetto del valore di 250mila euro di cui poco più di 50mila a carico della Regione: si attende a breve un'integrazione della dotazione finanziaria per poter procedere ad un significativo scorrimento della stessa graduatoria.

Altri progetti - tra cui quello della Cooperativa “Fratello Sole”, sempre di Cassano - non sono stati ammessi al finanziamento.


E’ un provvedimento importante – ha commentato il consigliere regionale Michele Venticelli (Sel) - perché dà linfa vitale agli Enti che operano in un ambito penalizzato nell'ultimo periodo, come quello socio-sanitario. In più permette a nuove realtà associative o imprenditoriali di cominciare o in caso di Enti già consolidati di continuare ad operare sul territorio. Speriamo ci sia possibilità di estendere ulteriormente la graduatoria degli ammessi, rifinanziando il bando”.